La nuova stagione di prosa, danza, musica e cinema del Teatro Pasolini di Cervignano 12/13

Uncategorized

una stagione ideata e promossa da
Associazione Culturale Teatro Pasolini
CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
Cooperativa Bonawentura
Euritmica – Associazione culturale

in collaborazione con
a.Artisti Associati – Circuito danza del FVG

con il sostegno di
Comune di Cervignano del Friuli
Regione Friuli Venezia Giulia
Bluenergy

e la collaborazione di
Centro Commerciale Cervignano

La nuova stagione artistica 2012_2013 del Teatro Pasolini di Cervignano: un programma trasversale e ad ampio respiro d’offerta di eventi multidisciplinari che spaziano dal teatro di prosa ai concerti classici, dalla danza alla musica d’autore, il gospel e il jazz fino al programma continuativo di proiezioni cinematografiche in prima visione e d’essai e agli spettacoli per bambini e ragazzi della stagione per le nuove generazioni del TIG. Il denso cartellone è ideato e promosso da Associazione culturale Teatro Pasolini, CSS Teatro stabile di innovazione del FVG, Cooperativa Bonawentura, Euritmica – Associazione culturale, in collaborazione con Circuito danza del FVG/A. Artisti Associati.

La stagione che sarà inaugurata il prossimo 30 ottobre (con un’anteprima musicale già il 13 ottobre) è realizzata con il fondamentale sostegno del Comune di Cervignano, della Regione Friuli Venezia Giulia e con un importante intervento di sponsorizzazione da parte di Bluenergy – che rinnova così la sua presenza a favore della cultura di qualità per la comunità di Cervignano del Friuli – e con la collaborazione di Centro Commerciale  di Cervignano.
Dal 30 ottobre 2012 al 3 aprile 2013, saranno sedici le serate di spettacolo, danza e concerti dal vivo, mentre prosegue la programmazione settimanale di cinema in prima visione e d’autore, con le novità e le rassegne speciali per gli adulti e anche per il pubblico delle famiglie e dei bambini.

 

LA STAGIONE DI PROSA E DANZA
a cura di CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

Approda per la prima volta sul palcoscenico di Cervignano il fantastico Paolo Poli e il suo teatro giocoso, visionario e originalissimo. Aquiloni – che inaugura la stagione di prosa il prossimo 12 novembre – è il suo ultimo, nuovissimo, spettacolo, affettuosamente e fanciullescamente dedicato all’antico giocattolo preindustriale e ispirato alla poesia di Giovanni Pascoli. Allegoria della scrittura poetica, Aquiloni evoca, attraverso i versi del grande scrittore -da Myricae ai Poemetti– la magia della memoria e le figure contadine nel ricordo di un’Italia del volgere del secolo, immerse – alla maniera inconfondibile del teatro di Paolo Poli – nei suggestivi motivi floreali della Belle Epoque. Una rilettura del “poeta del fanciullino” per farci viaggiare, con un pizzico di raffinata malizia, nel passato, per gli spettatori di ogni età, nei territori della nostra infanzia o nel piccolo mondo antico dei nostri bisnonni.

Il 23 novembre la contagiosa simpatia del Pupkin Kabarett – il collettivo di comici “allenatosi” sul palcoscenico triestino del Teatro Miela negli inesorabili e ormai di culto appuntamenti del lunedì sera – invade il Pasolini con Tingeltanz , un moderno e stralunato varietà tra Karl Valentin e i Monty Python, una esilarante parodia satirica dell’Italia in cui viviamo, quella del quotidiano, della politica, della televisione, del lavoro precario, dell’amore, nel gioco teatrale di una strampalata compagnia di attori accompagnati dall’Orchestrina Tingeltanz.
In nome della madre è il titolo di uno degli ultimi romanzi di Erri De Luca. Negli ultimi anni è diventato anche uno spettacolo delicatissimo – Provando in nome della madre – che proporremo nei primi giorni del clima natalizio (18 dicembre) e che vede il suo autore in scena nella parte di se stesso, in una situazione da “teatro nel teatro”. Un Erri De Luca pronto ad affascinarci con il suo ragionare contagioso e umanamente spirituale fianco a fianco con due attori nella parte di un regista e di un’attrice che interpreta Miriam/Maria, tutti appassionati interpreti di uno spettacolo in fieri, che si va costruendo per raccontare la storia di Maria come “operaia della divinità”, in termini quotidiani ma lirici, asciutti e ispirati. Lo spettacolo è accompagnato da una magnifica colonna sonora su musiche di Gianmaria Testa, Fabrizio De Andrè e dello stesso De Luca.

Dopo la fortunata esperienza di E’ bello vivere liberi!, visto a Cervignano tre stagioni fa, l’attrice monfalconese Marta Cuscunà sarà ospite – il 9 gennaio – del Teatro Pasolini con un nuovo capitolo della sua indagine sulle Resistenze femminili in Italia. Si tratta di La semplicità ingannata, un nuovo spettacolo in cui l’attrice rintraccia e ricostruisce un caso emblematico di emancipazione femminile poco noto che risale addirittura al Cinquecento.
Prendendo spunto dalle opere letterarie di Arcangela Tarabotti e dalla vicenda delle Clarisse di Udine che trasformarono il convento in uno spazio di libertà di pensiero e a loro modo “di contestazione”, Marta Cuscunà mette in scena una “Satira per attrice e pupazze sul lusso d’esser donne”, assumendo la narrazione in un monologo a più voci e personaggi interpretati insieme a dei pupazzi.

E arriviamo alla danza, ogni anno protagonista di almeno un appuntamento al Teatro Pasolini. In collaborazione con a. Artisti Associati/Circuito danza del FVG , quest’anno, il 16 gennaio, una proposta originale e di valore come quella proposta dal prestigioso Balletto di Toscana che mette in campo la sua Compagnia Junior, con i danzatori della sua più eccellente fucina di interpreti di balletto italiano. Il coreografo Fabrizio Monteverde ha creato per loro una Coppelia in una versione che non tenta riletture attuali di uno dei più celebri titoli del repertorio classico, ma che semplicemente ci racconta come una storia fra ragazzi d’oggi, piena di verve ed energia, l’amore di Franz e Swanilda e le sue gelosie per la bellissima Coppelia, la bambola meccanica creata dallo stravagante costruttore di giocattoli e mago del villaggio Coppelius. Una versione di giovani interpreti pensata per parlare anche ai loro coetanei e in cui sarà facile riconoscere in Coppelius gli echi dark dei vampiri di Twilight, la tenera malinconia d i personaggi come Edward Mani di Forbice del cinema neo gotico e romantico del geniale Tim Burton.

Il 3 febbraio non ci perderemo la prima “autobiografia non autorizzata” di Paolo Rossi, comico irresistibile, spesso di casa a Cervignano. Si intitola L’amore è un cane blu e vede Paolo Rossi protagonista di un viaggio che nasce da uno smarrimento. Viaggio iniziatico tardivo, forse alla ricerca di radici e soprattutto di valori perduti, lo spettacolo ci renderà di sicuro testimoni di una comica rinascita. Ecco allora uno spettacolo che è un diario, un disegno, diventerà un film, e per ora un concerto visionario popolare lirico e umoristico anche con il contributo geniale e straluna di Emanuele Dell’Aquila e della banda di “liscio-balcanico” I Virtuosi del Carso.

A pochi giorni dalla ricorrenza dell’8 marzo, uno spettacolo declinato al femminile con protagonista una delle antesignane del teatro di narrazione civile in Italia, Laura Curino. Scintille – in scena il 26 febbraio 2013 a Cervignano – ricostruisce, come una cronaca inesorabile, asciutta e piena di partecipazione, un drammatico incidente sul lavoro che nel 1911, in una fabbrica di New York , provocò 146 vittime, quasi tutte ragazze e donne lavoratrici immigrate. Una pièce di “alta ingegneria emozionale e storica” da seguire con il fiato sospeso, fra testimonianza, informazione e indignata partecipazione, senza mai dimenticare l’importanza delle regole e della sicurezza nelle condizioni di lavoro.

Il 20 marzo è la volta di una pièce pluripremiata: in Italia o nel resto del mondo, The History Boys dello scrittore e commediografo britannico Alan Bennet ha sempre fatto bottino di premi, dai 3 Olivier Awards, ai 6 Tony Awards e ai più recenti 3 Premi Ubu conquistati un anno fa nel nostro paese. Merito della compagnia del Teatro dell’Elfo di Milano, della lucida regia di Elio De Capitani (anche protagonista) e Ferdinando Bruni, di un gruppo formidabile di otto attori under 30. Ambientata negli anni ’50, in una classe di adolescenti all’ultimo anno del college, alle prese con gli esami di ammissione all’Università, la commedia di Alan Bennett mette in scena un gruppo di ragazzi e i loro professori, in uno scontro e confronto fra una scuola dai metodi anticonformisti e i richiami dell’ortodossia della secolare tradizione educativa inglese.

La stagione di prosa si chiude – il 3 aprile 2013 – con uno spettacolo corale a episodi nato durante il secondo anno di produzione Farie Teatrâl Furlane. Si tratta di Siums, uno spettacolo che ha debuttato felicemente all’ultima edizione di Mittelfest a Cividale questa estate e frutto del lavoro di un nutrito gruppo di attori, autori, drammaturghi friulani, guidati da Gigi Dall’Aglio (già regista in Friuli di successi come “Bigatis”, “La lungje cene di Nadâl”, “Pieri di Brazzaville”). Sulle orme di uno dei capolavori cinematografici di Akira Kurosawa, Sogni, in cui il regista giapponese ci ha raccontato l’essenza dell’esistenza attraverso sette episodi onirici con la ricchezza visionaria propria dei procedimenti analogici del sognare, il gruppo di artisti trae spunto dalla letteratura friulana – con suggestioni dalle opere di Elio Bartolini, Antonio Bellina, Carlo Ginzburg, Novella Cantarutti, Sergio Maldini, Pier Paolo Pasolini, Carlo Sgorlon – per restituire racconti in forma di metafora di un comune sentire, di un comune sognare.

 

LA STAGIONE DI MUSICA
a cura di Euritmica – Associazione Culturale di Udine

Al via dal 30 ottobre in abbonamento e dal 12 ottobre con un’anteprima che riavvicinerà la comunità cervignanese alla vita culturale del teatro, la nuova stagione musicale, dal 2003 organizzata da Euritmica – Associazione Culturale di Udine e sostenuto dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e dal Comune di Cervignano. Nella sua definizione la stagione persegue lo scopo di offrire uno spaccato di quanto di più valido e prezioso sia presente sulla scena musicale nazionale e locale, senza distinzioni di stile, con particolare attenzione alle novità in fermento e alla qualità. Il percorso musicale 2012/2013, si sviluppa attraverso otto appuntamenti, di cui due ad ingresso gratuito in una ottica di aggregazione, attenzione, coinvolgimento, incontro e condivisione, al di là di qualsiasi contingente difficoltà.

La stagione di musica al Pasolini si inaugura dunque il 12 ottobre con una importante anteprima: la Big Band Città di Udine diretta per l’occasione da Bruno Cesselli e Piero Cozzi in concerto per la Federazione Lavoratori della Conoscenza di Udine della CGIL. Una serata evento per la possibile ricostruzione di un tessuto istituzionale e culturale votato al bene pubblico, alla formazione e alla crescita etica delle nuove generazioni. Ricostruire dunque l’Italia per ricostruire il futuro partendo dal lavoro, dalla cultura e dall’istruzione. Una grande orchestra di ben 19 elementi e un repertorio che comprende partiture originali di brani ellingtoniani e in particolare dalla suite Such Sweet Thunder, per proseguire con i più grandi compositori jazz: da Monk a Mingus, da Rava a brani originali dello stesso Cesselli.

Il 30 ottobre Luisa Sello e Carlo Corazza ci guidano in un viaggio, filtrato dal finestrino di un treno immaginario, seguendo le tappe di un percorso italiano dell’espressione creativa. Partendo da Milano e Bergamo, percore una storia fatta di capolavori musicali e poetici. Lucca, Pesaro, Roma, Palermo, assieme ad altre città e sentieri creativi, sono le fermate obbligatorie di un viaggio nel paese dell’Arte e del ‘Belcanto’. L’esecuzione musicale si intreccia con il racconto e la guida di un itinerario pensato, riletto e riproposto da Luisa Sello.

Storie di lavoro, di sindacato, di battaglie vinte e perse. A metterle in scena l’attore Maurizio Fanin e il chitarrista Alessio Velliscig il 20 novembre. Sessanta kilometri, spettacolo di Arianna Zani è ispirato ai libri Gente di ferriera e La volante rossa (editi da KappaVu) di Gino Dorigo, sindacalista, scrittore e memoria storica della Cgil friulana.

Appuntamento di grande richiamo con Fabio Concato e il Tutto qua tour 2012, considerato per la sua caratteristica armonia musicale, fra i pochi cantautori italiani in stretta vicinanza con il jazz, si esibirà il 30 novembre in un concerto improntato sulla musica e sulla parola, tra il serio ed il faceto, dal 1977 (anno del suo esordio) ai giorni nostri. Un’occasione per ascoltare non solo i grandi successi, ma anche quei brani meno famosi, che hanno riempito nondimeno i nostri cuori.

In occasione delle festività natalizie, si rinnoverà il tradizionale concerto gospel, ormai un appuntamento irrinunciabile per gli amanti del genere, a Cervignano, infatti, sono passati alcuni tra i più importanti cori della scena americana. Anche quest’anno ci sono tutte le premesse per una serata di altissima qualità. Il concerto, mercoledì 19 dicembre, vedrà l’ensemble di Sonya McGuire, una tra le più quotate vocalist della scena di Atlanta, da essere richiesta come Lead Vocal nelle formazioni di grandi artisti come Beverly Crawford, Timothy Wright e Douglas Miller.

C’è grande attesa per la presentazione, il 22 gennaio, del progetto musicale di Claudio Cojaniz e la sua Red Devils Band dal titolo Carmen. The land of dances (produzione Euritmica) dove come spiega lo stesso autore: “Blues e free jazz entrano nei richiami d’Africa offerti dalle voci e dalle percussioni, citazioni di musica barocca si intersecano dentro suoni da fanfara serbo-macedone, mentre si prepara il ritmo giusto per il rap che sta arrivando, un rap che ci racconta delle storie vere, di sentimenti e di vita sociale. L’ultimo pezzo è particolare, forse il manifesto della Red Devil Orchestra: il testo è tratto dal libro tibetano dei morti (che a discapito del titolo è pieno di umanità e illuminante speranza); dice più o meno che se sei troppo pesante vai a fondo, quindi dovresti alleggerirti; ma se non sei mai andato a fondo non puoi capire nulla. Noi intendiamo il jazz come eterna contaminazione ed arricchimento, non scimmiottando altre culture, ma, con gran rispetto, usandone il vasto vocabolario”.

Apertura alle contaminazioni il 8 febbraio con Fabio Turchini e il suo Il rovescio della rosa, vicende d’amore e pieghe dell’anima, pubblicato dalla casa editrice Mondadori. Non una semplice presentazione però, ma un vero e proprio evento spettacolare con la presenza di artisti della musica, del canto, dell’arte figurativa: ritroviamo il pianista Claudio Cojaniz, il contrabbassista Franco Feruglio, due illustri cantanti liriche come Milena Ermacora e Gabriella Pellos, il Quartetto d’archi Pezzè e la narrazione poetica di Fabio Turchini.

Claudio Lolli chiude la nona stagione il 1 marzo con il recital Zingari Felici, e non solo perché quel disco ha rappresentato il maggior successo della vicenda artistica di Lolli, piuttosto perché questa musica e queste parole, nate più di trent’anni fa, non hanno perso nulla della loro forza e della loro capacità di interrogare e di cogliere il segno. Se i riferimenti storici sono di un’altra epoca, i contenuti e i valori hanno riconquistato il ruolo di interpretazione dell’attualità, quello che dà un senso ai percorsi e alla vita di molte persone, che aiuta molti di noi a trovare una motivazione a non gettare la spugna, a continuare a rincorrere un sogno e un futuro migliore.

Ancora una volta, dunque, una stagione di grande impegno e l’opportunità di godere della qualità delle proposte e del grande potere aggregativo, civile, sociale della musica e delle sue espressioni.

 

TIG TEATRO PER LE NUOVE GENERAZIONI
a cura del CSS Teatro stabile di innovazione del FVG

A Cervignano il teatro e la sua cultura sono da sedici stagione parte integrante dei percorsi didattici nelle scuole di ogni ordine e grado di un intero territorio che partecipa con i suoi allievi e studenti alla vivace vita del suo teatro. Il Teatro Pasolini è quanto mai oggi il centro propulsore di stimoli e visioni del vario programma degli spettacoli del mattino riservato ai ragazzi dal CSS Teatro stabile di innovazione del FVG con la stagione TIG Teatro per le nuove generazioni, stagione che porta ogni anno a teatro migliaia di bambini e ragazzi di tutti gli ordini scolastici, dalle materne alle superiori, con spettacoli scelti per affrontare dal palcoscenico, con i linguaggi che più caratterizzano la scena teatrale, alcuni dei temi che riguardano da vicino il mondo dei più giovani. Fra le attività extrascolastiche riparte da novembre a maggio anche l’azione aggregante svolta fra i giovani dai due laboratori teatrali de La Meglio Gioventù aperti agli adolescenti e ai ragazzi dagli 11 ai 29 anni (per due sezioni distinte: 11-15 anni e 16-29 anni) e condotti da Giorgio Monte e Manuel Buttus del Teatrino del Rifo.

 

LA CAMPAGNA ABBONAMENTI

La nuova campagna abbonamenti sarà inaugurata il 4 ottobre e proseguirà fino al 30 ottobre per gli abbonamenti alla stagione di musica e omnibus e fino al 10 novembre per gli abbonamenti alla stagione di prosa e danza.
Le fasi della campagna seguiranno il seguente calendario:
conferma vecchi abbonamenti: 4 ottobre – 18 ottobre 2012
cambio posto vecchi abbonati: 19-20 ottobre 2012
sottoscrizione nuovi abbonamenti: 23 ottobre – 30 ottobre (per gli abbonamenti alla stagione di musica e formula omnibus prosa + musica) e 10 novembre (per gli abbonamenti alla stagione di prosa e danza)

Per informazioni: CERVIGNANO, TEATRO PASOLINI, PIAZZA INDIPENDENZA 34
ufficio abbonamenti: tel. 0431.370273

segreteria telefonica con i titoli cinematografici della settimana: 0431.370216
info online:
www.teatropasolini.it
www.cssudine.it
www.euritmica.it

 

BIGLIETTI E ABBONAMENTI PROSA E DANZA

Biglietto singolo per gli spettacoli
Aquiloni – Tingeltanz – Provando in nome della madre – La semplicità ingannata – Scintille – The History Boys – Siums

intero  15,00 euro
ridotto aziendale e gruppi aggregati (min 10 persone)  12,00 euro
ridotto giovani  8,00 euro
ridotto disoccupati e cassintegrati  7,50 euro

Balletto di Toscana – Coppelia
intero  18,00 euro
ridotto aziendale e gruppi aggregati (min 10 persone)  15,00 euro
ridotto giovani  12,00 euro
ridotto disoccupati e cassintegrati  9,00 euro

Paolo Rossi – L’amore è un cane blu
intero  30,00 euro
ridotto aziendale e gruppi aggregati (min 10 persone)  25,00 euro
ridotto giovani  20,00 euro
ridotto disoccupati e cassintegrati  15,00 euro

ABBONAMENTI a 9 spettacoli prosa e danza
abbonamento intero  127,00 euro
abbonamento ridotto aziendale e gruppi aggregati (min 10 persone)  115,00 euro
abbonamento ridotto giovani  89,00 euro

ABBONAMENTO OMNIBUS a 9 spettacoli di prosa e danza + 6 concerti di musica
abbonamento unico  150,00 euro

 

BIGLIETTI E ABBONAMENTI MUSICA

Biglietto singolo per i concerti
Viaggio musicale in Italia – Carmen. The Land of dances – Il rovescio della rosa
intero  8,00 euro
ridotto giovani, aziendale e gruppi aggregati (min 10 persone)  6,00 euro
ridotto disoccupati e cassintegrati  4,00 euro

Tutto qua tour 2012
intero  25,00 euro
ridotto giovani, aziendale e gruppi aggregati (min 10 persone)  20,00 euro
ridotto disoccupati e cassintegrati  12,50 euro

Sonya McGuire Gospel Ensemble – Zingari felici recital
intero  15,00 euro
ridotto giovani, aziendale e gruppi aggregati (min 10 persone)  12,00 euro
ridotto disoccupati e cassintegrati  7,50 euro

ABBONAMENTI a 6 spettacoli musica
abbonamento intero  65,00 euro
abbonamento ridotto giovani, aziendale e gruppi aggregati (min 10 persone)  55,00 euro

ABBONAMENTO OMNIBUS a 9 spettacoli di prosa e danza + 6 concerti di musica
abbonamento unico  150,00 euro