sabato 13 dicembre 2014 ore 21:00

Trê zovini’

Prosa

liberamente ispirato all’opera di / gjavât fûr in maniere libare de opare di Novella Cantarutti
drammaturgia / dramaturgjie Massimo Somaglino e Carlo Tolazzi
regia / regjie Massimo Somaglino
in scena / in sene Chiara Benedetti, Sara Rainis, Aida Talliente
musiche originali e scelte musicali / musichis origjinâls e sieltis musicâls Claudia Grimaz
luci e fonica / lûs e foniche Michele Pegan
assistente alla regia / assistente ae regjie Elisa Copetti
laboratorio di drammaturgia / laboratori di dramaturgjie Federica Angeli, Marianna Fernetich, Giulia Pes
sartoria / sartorie Cristina Moret – Sartilegio
una produzione / une produzion CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
con il sostegno di / cu la poie di ARLeF – Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane

Come ideale germinazione di quel laboratorio di intuizioni che è stato, nel 2012, Siums, il progetto produttivo a episodi ideato e diretto da Gigi Dall’Aglio per gli artisti, drammaturghi e registi riuniti nella Farie teatrâl furlane, Trê zovini’ si inoltra e prosegue sul sentiero della scrittura poetica e narrativa di Novella Cantarutti, scomparsa ormai cinque anni fa.

In scena tre donne che continuamente si trasformano diventando di volta in volta giovani e vecchie, stanziali e viaggiatrici, madri e figlie, amiche e nemiche, collegando tra loro passato e futuro attraverso racconti, dialoghi, azioni e canti, in una composizione scenica dal taglio molto moderno che mette in fila registri diversi e atmosfere poetiche ironiche, comiche, drammatiche. La lingua friulana adoperata è la lingua specificamente poetica di Novella Cantarutti, una lingua viva, nuda, cristiana, rustica, pura, essenziale ed austera.

Una drammaturgia “a quadri” espone i risultati di una profonda ricerca che dal mondo antico, duro, austero ma potente delle popolazioni che abitano la montagna, attraverso i riconoscimenti e le testimonianze che ne segnano i tratti salienti e si trasmettono attraverso le epoche e le discendenze, confermano le appartenenze dei popoli ai propri antenati. Le relazioni di sangue sono intrecciate alle relazioni culturali e formano legami profondi che provengono dal passato e ci proiettano nel futuro.

Tant che gjerminazion ideâl di chel laboratori di intuizions che al è stât, tal 2012, Siums, il progjet produtîf a episodis ideât e diret di Gigi Dall’Aglio pai artiscj, dramaturcs, e regjiscj metûts adun te Farie teatrâl furlane, Trê zovini’  al va indenant e plui insot te scriture poetiche e narative di Novella Cantarutti, vignude a mancjâ za fa cinc agns.

In sene trê feminis che di continui si trasformin deventant daûr des voltis zovinis e vielis, fermis o in viaç, maris o fiis, amiis o nemiis, colegant tra di lôr il passât e l’avignî cun contis, dialics, azions e cjants, intune composizion seniche di caratar moderni che al met in rie regjiscj difarents e atmosferis poetichis ironichis, comichis, dramatichis. La lenghe furlane doprade e je la lenghe in maniere specifiche poetiche di Novella Cantarutti, une lenghe vive, crote, cristiane, rustiche, pure, essenziâl e severe.

Une dramaturgjie fate “di cuadris” e mostre i risultâts di une ricercje profonde che dal mont antîc, dûr, rigorôs ma potent des popolazions che a son a stâ in mont, par mieç dai ricognossiments e des testemoneancis che indi marchin lis carateristichis impuartantis e che si trasmetin tes etis e tes dissendencis, a confermin lis partignincis dai popui ai lôr vons. Lis relazions di sanc si incrosin a lis relazions culturâls a crein leams profonts che a rivin dal passât e che nus puartin tal avignî.
Io mi impongo di guardare al passato per recuperarlo senza farlo oggetto di nostalgia, per renderlo attivo così che possa ancora operare in me, aiutarmi a continuare a vivere. Questo intendo per fedeltà: continuare a essere quello che si è stati.
(Jo mi impon di cjalâ al passât par recuperâ cence fâlu deventâ ogjet di nostalgjie, par fâlu atîf in maniere che al puedi ancjemò lavorâ dentri di me, judâmi a lâ indenant a vivi. Chest o vuei dî: lâ indenant a jessi chel che si è stâts)
Novella Cantarutti